Corti d'attore: Valerio Mastandrea al Club Amici del Cinema

Mercoledì 13 gennaio 2010 alle ore 21,15 al Club Amici del Cinema di Via Carlo Rolando, 15
serata speciale dedicata ai cortometraggi interpretati da Valerio Mastandrea.

Nato a Roma nel 1972 Mastandrea deve una prima notorietà al Maurizio Costanzo Show, prima di debuttare come attore 1993 in Ladri di cinema di Pietro Natoli. Contemporaneamente inizia una carriera teatrale che lo vede autore e interprete sui palcoscenici "off" romani. Seguono al cinema parti in Cresceranno i carciofi a Mimongo (1996) e Tutti giù per terra (1997) di Davide Ferrario.

Nel 1998 è protagonista a teatro con Rugantino di Garinei e Giovannini. Nella sua carriera cinematografica è stato diretto, tra gli altri, da Magni, Scola, Archibugi, Moretti, Ozpetek, Chiesa, Vicari.

Nel 2005 Mastandrea ha debuttato come regista nel cortometraggio Trevirgolaottantasette ed è tornato in teatro con Migliore di Mattia Torre.

In questa stagione è protagonista nel film d'esordio di Claudio Noce Good Morning Aman e nel nuovo film di Paolo Virzì La prima cosa bella in uscita nelle sale italiane venerdì 15 gennaio.

Valerio Mastandrea non è affatto un attore impulsivo, gogliardico, estroverso, esibizionista. Al contrario, la sua recitazione aspira alla compostezza, all'implosione, a trattenere espressioni e parole. Anche per indole incarna l'eterno ragazzo di cui è piena la storia del cinema italiano (il giovane Mastroianni, Salvatori, Chiari, Arena, De Sica Jr.).
Non sorprende quindi che, a partire dagli anni '90, il cinema italiano lo abbia eletto protagonista di molte sue storie, anche nel cortometraggio, dove è decisamente l'attore italiano che ne ha girati di più. Sulla breve distanza, Mastandrea ha la possibilità di concentrare in pochi minuti le sue doti di assimilazione col personaggio, di chiamare a raccolta una moltitudine di toni, di tratteggiare pregi e difetti di un attore e di una generazione. In fondo Mastandrea dà l'impressione di recitare se stesso, un ragazzo impacciato e buono che usa il corpo con parsimonia di gesti e di espressioni.

La selezione in programma di Corti d'attore: Valerio Mastandrea (presentata a giugno a Roma ad Arcipelago e a dicembre a Corti a Firenze 2009) comprende 10 cortometraggi:

  • La verità di Chiara Cremaschi (7') 1997
  • La lettera di Dario Migliardi (10') 1997
  • Play Girl di Fabio Tagliavia (15') 2002
  • Giulietta della spazzatura di Paola Randi (11' 20'') 2003
  • Il sogno di Pulcinella di Gianluca Petrazzi (7' 25'') 2004
  • Il ragno la mosca di Emanuele Scaringi (13' 44'') 2005
  • Trevirgolaottantasette di Valerio Mastandrea (13') 2005
  • Sotto le foglie di Stefano Chiodini (12') 2005
  • Basette di Gabriele Mainetti (16' 32'') 2008
  • Articolo 24 di Saverio Di Biagio (5' 19'') 2008

 Vedi il comunicato stampa

 

Credits to Templates By Compass Design - Credits to Tag cloud By Zaragozaonline